la bottega del calciofilo

Parole di calcio di Emanuele Giulianelli (@EmaGiulianelli)

Archivi per il mese di “febbraio, 2013”

Io e quell’autografo…

Ivan Tomic

Ivan Tomic

Come promesso, ecco il folle articolo su Ivan Tomic da me scritto che gli amici di Fútbologia hanno deciso di pubblicare.
LINK

Spero possa essere di vostro gradimento.
E’ Calciofilia allo stato puro. E Fútbologia, of course.

Hype!

Ivan Tomic

Ivan Tomic

Ore 16.34
Un tweet degli amici di Fútbologia (@futbologiaorg):

[#meteore e meteoriti] Lunedì un pezzo di @EmaGiulianelli: articolo su e intervista a Tomic, ex della Roma di Zeman anni ’90. Chi? Quello.

Un pezzo al quale tengo molto, folle nello stile e nei contenuti.
Spero lo apprezzerete, vi do appuntamento a lunedì su Fútbologia!

Italians in the Premier League

“La bottega del calciofilo” sbarca in Irlanda. Il prestigioso sito “Back page football” ha deciso di pubblicare un mio articolo dal titolo “Italians in the Premier League“.

“La bottega del calciofilo” lands in Ireland. The prestigious website “Back Page Football” has decided to publish an article of mine entitled “Italians in the Premier League.”

Articolo completo / Full article Link: “Italians in the Premier League

ItaliansPL

Vatta, Puskàs e il dribbling

Una sera mi trovavo a parlare al telefono con uno dei personaggi più speciali e particolari del nostro calcio, Sergio Vatta, che ha cresciuto talenti nel settore giovanile del Torino per quindici anni, che ha guidato i ragazzi delle nazionali Under 16 e Under 17 e che ha rivoluzionato il calcio femminile italiano alla guida della rappresentativa azzurra. Parlavamo di calcio.

Sì, ho avuto questo onore.
Ebbene, mi raccontò un aneddoto che non scorderò mai, da inguaribile e romantico calciofilo quale sono. Vatta si trovava a discutere nientepopodimeno che con Ferenc Puskàs, il leggendario campione ungherese che spopolava sui campi di tutta Europa con la grande Honved prima e con il Real Madrid di Di Stefano e dei fenomeni poi, oltre che con la sua nazionale.
Puskàs spiegò in poche parole quale fosse la differenza tra il calcio dell’Est Europa e quello occidentale, in particolare tra quello ungherese e quello italiano.
Gli disse: “Voi italiani passate la palla quando non potete dribblare; noi ungheresi dribbliamo quando non riusciamo a passare la palla”.
Questo è il calcio.

Un dribbling di Ferenc Puskàs con la maglia dell'Ungheria

Un dribbling di Ferenc Puskàs con la maglia dell’Ungheria

L’emozione e la memoria

Ferdinando Valletti (a dx) con il capitano del Milan Bonomi

Ferdinando Valletti (a dx) con il capitano del Milan Bonomi

Ancora la memoria, ancora questo tema nella cara vecchia bottega, per parlare di un’emozione forte e profonda che mi ha toccato nei giorni scorsi.
Come ricorderete, il 27 gennaio ho pubblicato, in occasione della Giornata della memoria, un pezzo intitolato “Calcio e memoria”, che faceva riferimento a un articolo che ho scritto su Tuttocalciatori.net.
La figlia di uno dei protagonisti delle tre storie che raccontavo, Manuela Valletti, ha deciso di ripubblicare sul suo blog l’intero articolo da me scritto. Mi ha riempito di orgoglio e, come dicevo prima, di emozione.
Ecco il link: http://manuelavallettighezzi.blogspot.it/2013/01/la-storia-di-tre-calciatori-nei-lager.html

Vi invito a seguire il blog di Manuela. Per non dimenticare.

Andreazzoli, il 4-3-3 e le palle inattive

Aurelio Andreazzoli

Aurelio Andreazzoli

In una intervista esclusiva, pubblicata sul prestigioso sito LaRoma24.it, l’ex centrocampista Renzo Birarda mi ha raccontato il nuovo allenatore della Roma con il quale ha lavorato nella Massese nel 1995-96.

Birarda mi ha descritto un Andreazzoli che schierava la squadra con il 4-3-3 e che curava molto gli schemi difensivi, soprattutto nelle situazioni di palla inattiva.

Ecco il link all’intervista:
BIRARDA (ex giocatore Massese) a LR24.IT: “Andreazzoli serio e preparato. Giocavamo con un offensivo 4-3-3. Meticoloso sullo studio delle palle inattive”

Football and memory

This is the English translation of an article I wrote for the Holocaust Memorial Day, 27 January, and published on Tuttocalciatori.net (Original article here).

Current football hasn’t got memory. It runs too fast, it has no time to look back.
Even because if you turn around, you lose the ball and let in a goal. Pace is asphyxiating: running, matches on TV, reports on magazines, polemics made by chairmen and transfers market.
And the tam-tam on the radios, jotters of the journalists, TV showgirls and discotheques, and go on with another with another football match.
Between a scandal, the widespread indignation, yells invoking gallows and the amnesties, the time for a coffee is enough.

There is no time to think and to wonder what sense the whole circus makes. No time to look back to the miles covered: to where we come from and to where we are going. Memory.
Remembering to know ourselves, to find our own identities in order not to repeat the past mistakes. Carlo, Ferdinando and Rino: three common names. Three young Italians who turned up to Nazi concentration camps with the ball between the feet or on their heads.

Carlo Castellani

Carlo Castellani

Carlo Castellani is 35 years old. He’s the owner of a sawmill in Montelupo, after being Empoli striker for nine seasons who scored 62 goals wearing the jersey of the Tuscan team. It’s the night of 8th March 1944: the noise made by the wheels of the fascists truck breaks the silence and the sleep of a working class town; screaming and shouting, tears and raised dust. Four days before, the town of Montelupo had lifted its head and made a strike en masse against the regime: an unbearable insult to the Comrades who decide exemplary punishment. Raids, house by house. Carlo is awakened at dawn, by some knockings at the door. “Don’t worry, stay here with the kids, I’m going down to attend to the matter: they know that we have nothing to do with the strike.”

In front of the door there is Orazio. His friend Orazio Nardini. “We are looking for your father; we must take him to the police station.” “But my father is ill, he can’t come with you! And then, what could ever want the marshal from an old man like him?”
Carlo’s father, David Castellani, is known throughout the area for his anti-fascist attitudes. “Is it okay for you if I come to the police station in the place of my father, in order to speak with the authorities?”
Orazio, the friend, nods. Indeed, what a friend. Fascist truck joins a host of other trucks and buses, directed towards Florence. The train chugs, the steam is pitchy black. Black as the death that Carlo Castellani, until 2011 top scorer in the history of Empoli, will find in the concentration camp of Mauthausen. “Tell everyone how I’m dead! … Tell them how much I suffered, more than Jesus Christ did …”: these were the last words of Carlo collected by his friend Aldo Rovai, with him in the camp.

Ferdinando Valletti

Ferdinando Valletti

Ferdinando Valletti was born in 1921. He started playing football with Hellas Verona; after taking a degree as industrial technical expert, in 1938 he moved to Milan with a contract signed for Alfa Romeo, a car factory. While working in the factory, he keeps on cultivating his passion for football, playing with the jersey of Seregno until he was noticed by some observers from AC Milan who made him signing for the team in season 1942-43. With the Rossoneri he plays midfielder alongside Giuseppe Meazza; after some friendly matches played during the following season, Valletti injured to his knee.

Fascist militias come to Alfa Romeo factory. Some coworkers indicate Ferdinando as one of the organizers of the strike that took place in the plant during March 1944.
Informing.
Valletti was arrested and taken, with other twenty-two workers, to the San Vittore prison; just a short step to the infamous platform 21 of the Central Station. The same smoke seen and smelled by Carlo Castellani, the same direction: Mauthausen. Ferdinando works in the quarry, until he is transferred to Gusen subcamp where he is employed in the excavation of underground tunnels.

One day a kapo arrives at the barracks of the camp and asks if, among the deportees, there is someone who is able to play football, because he needs a player for a game between NCOs. Milan player Ferdinando Valletti doesn’t hang off, though battered and malnourished, and the kapo hires him as a team’s reserve for a tournament. He plays in wretched conditions, wearing the prisoner uniform, often barefoot, as well as his daughter Manuela tells; but with his performances he’s able to deserve a recompense: he is moved to work in the kitchens. And this is his salvation. The Allies liberate him on May 5th, 1945.

Rino Pagotto

Rino Pagotto

Mario Pagotto, called Rino, is the left back of the great Bologna trained by Weisz, that spectacles throughout Italy and Europe, winning three times Serie A and the International Tournament in Paris Universal Expo in 1940, humiliating Chelsea 4-1. Rino is called for Italian national team, before the war’s nightmare begins. The coach Weisz breaks out to Holland in order to escape the fascist persecution of Jews, but is captured and deported to Auschwitz, where he will be killed with all his family. Rino is captured by the Nazis after September 8th, 1943, after fighting in the ranks of the Alpini corps, and deported. First he is brought to Hohenstein, then Bialystok in Poland: forced labor, starvation, inhumane conditions.

Soviet Red Army advances and, consequently, prisoners are moved: Rino arrives to Odessa and, from there, to Cernauti. With a group of Italian former football players he arranges a team that faces similar teams formed by prisoners from other nations. Rino and his teammates always win. From Cernuti they go to Slutsk, but the result is the same: the “Cernuti boys” don’t have opponents able to cope with them. But one day the challenge arrives, the real game of a life. Rino has arranged a tournament between the various national teams in the concentration camp that is very popular amongst the kapos because they have fun watching the games. The most important match for Rino and his team is against the squad of the Red Army. Nazi jailors want so much to see the Soviets losing, that they make Pagotto and his frineds understand that, if they will win, they will have the chance of coming back home early.
Better than in the film “Escape to Victory”. They play for they own lives, to embrace again their wives and children: “Those of Cernuti” win, humiliating their opponents, for 6-2 and in October 18th, 1945, they come back home.

Narrating without ever getting tired of doing it.
Remembering.
The memory of Italian football: in order not to lose it anymore.

Emanuele Giulianelli

L’utopia di Zeman

Fine dei giochi. Fine del sogno.Zeman1a
Sì, perché il gioco di Zeman è un sogno: anzi, come dicono i suoi detrattori, un’utopia.
Utopia è un non luogo, o meglio è il luogo che esiste solo nell’immaginazione: così meraviglioso da non poter trovare riscontro nella realtà. Ma Zemanlandia è esistita, intendendo quel luogo fisico nella Daunia che gli umani chiamano Foggia, dove l’allenatore ceco ha portato un calcio che non si pensava fosse realizzabile. E lo ha fatto ad alti livelli. Rambaudi, Baiano, Signori: nomi che rimangono nella storia del calcio italiano, il portiere Franco Mancini, Dan Petrescu o Igor Shalimov, Stroppa, Picasso, Onofrio Barone e tanti altri, hanno mostrato all’Italia intera che un modo diverso di giocare a calcio era possibile.
Proprio la frase che ha utilizzato Sabatini mercoledì in conferenza stampa, riferendosi alla prima assoluta della difesa a tre zemaniana in quel di Firenze: esiste un altro calcio. Solo che lo ha detto per criticare il gioco del tecnico boemo, non per elogiarlo.
Il tempo è scaduto. Di nuovo l’utopia e la mancata realizzazione di un sogno che non ha più posto nel mondo reale. Sì, c’è stata la parentesi di Pescara dello scorso anno, che ha fatto credere alla dirigenza giallorossa, amante dell’irriverenza e della spregiudicatezza, che fosse giunto il momento in cui l’assurdo potesse diventare vincente. Già, perché Zeman, come dicono, non ha mai vinto nulla.
Come se portare in A il Foggia non fosse vincere. O vincere la C2 a Licata fosse un gioco da ragazzi.
Non è più il tempo e ora mi è chiaro che non avrebbe dovuto esserlo mai più: neanche l’estate scorsa quando le lacrime di Genova hanno fatto decidere al duo Baldini-Sabatini di puntare sul boemo per guidare la nuova Roma del post-Luis Enrique. Perché le minestre riscaldate non sono saporite: avrei dovuto saperlo prima; e loro con me, Zeman compreso.
Perché non ha più senso a Roma rinverdire passati di gloria e vittorie: è proprio in nome di vetusti trionfi e di una grandezza che ormai si perde nei secoli indietro che la città, di cui la squadra è uno specchio fedele, non progredisce. Che ci importa se ormai il traffico ci divora, se il degrado pervade gran parte delle strade,se i marciapiedi del centro storico sono pieni di sporcizie come spettacolo offerto agli occhi dei turisti: tanto noi abbiamo avuto l’impero! L’impero, Roma, il gladiatore: niente di nuovo, anzi la scusa nella quale ci culliamo e giustifichiamo la nostra carenza di crescita e di progresso.
Così Zeman: il passato che volevamo tornasse, il gioco bello che ci ha fatto spellare le mani che avremmo voluto vincente; film già visto, nuovo errore.
Mi rendo conto che il tempo è passato, i calciatori non sono gli stessi, i tifosi neanche. Né, tantomeno, il Presidente.
La legge che vige è quella del sentito dire e del turbillon di radio nelle quali ognuno conosce fatti privati di calciatori e li racconta con un “ti faccio sapere io come stanno le cose”, nelle quali lo sputtanamento in nome di qualcosa che si è sentito dire da un amico di un amico che conosce un amico diventa verità. E lo spogliatoio diventa ring o bordello a seconda di chi ascoltiamo.
Meglio l’utopia, un posto che non può esserci nella realtà, se la realtà è questa.
Una realtà in cui non c’è più posto per Zeman: lo dice uno zemaniano.

Emanuele Giulianelli

Navigazione articolo