la bottega del calciofilo

Parole di calcio di Emanuele Giulianelli (@EmaGiulianelli)

Footbopolis: il calcio ai tempi di Ahmadinejad

logoiranE’ vero che il calcio è un comune denominatore di tutti i popoli e di  tutti i Paesi. E’ vero, non è un luogo comune, che il pallone rotola per le strade di Londra come per quelle polverose di Kabul; che le dittature possono fermare la stampa, la libertà di parola e di espressione, ma non potranno mai riuscire a evitare che quattro ragazzini con le maglie di giocatori occidentali mezze strappate o di pessima fattura si trovino sotto casa, anche tra le macerie, per prendere a calci una palla e sognare un mondo diverso. Migliore.

Anche in Iran si gioca a pallone.

Per “Stromberg non è un comodino” ho contattato Engin Firat, allenatore di nazionalità turco-tedesca, che ha girato molti campionati lavorando in Turchia, in Germania, in Corea del Sud e, appunto, in Iran.

Ho parlato con lui del calcio in quel Paese per noi così lontano e, nonostante le notizie su Ahmadinejad, così poco conosciuto.

Potete leggere l’articolo completo cliccando su “Stromberg non è un comodino”.

UK Flag

English version click here.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: