la bottega del calciofilo

Parole di calcio di Emanuele Giulianelli (@EmaGiulianelli)

Un regalo da Maurizio Ganz e un’altra anteprima

Un ospite di prestigio della Bottega del calciofilo: Maurizio Ganz, appena ha visto il post pubblicato oggi (questo) con la storia della promozione in Serie A del Parma, ci ha tenuto a mandarmi una bellissima foto di quella formazione con lui e il Sindaco insieme.
Oltretutto, in questa foto, Marco Osio compare con la fascia di capitano al braccio.

La pubblico e ringrazio Maurizio per la gentilezza:

Parma 1989-90 (Osio il primo da sx in piedi, Ganz il primo da sx accosciato)

Parma 1989-90 (Osio il primo da sx in piedi, Ganz il primo da sx accosciato)

Ricambio il regalo con qualche riga ancora sulla promozione in A sempre tratta dal libro:

“…La velocità di pensiero e l’intesa sempre più affinata con Melli permettono a Marco di non attendere neanche un istante e di dettare un passaggio filtrante proprio sull’accorrente compagno di squadra, verso l’area reggiana.
“Vai, Sandro”, sembra dire Marco nel lanciare il pallone.
Lui sa già come andrà a finire. Tutti lo sanno.
Tutto lo stadio trattiene il fiato.
Melli ha due difensori addosso, ma niente può fermarlo, è una di quelle occasioni in cui se gli avversari gli si attaccassero, lui, invece di fermarsi, se li trascinerebbe dietro. Fino a dove? Fino a poco dentro l’area di rigore, dove Sandro scaglia un destro preciso che trafigge Facciolo in uscita.
Imparabile. Quel tiro l’ha scagliato tutta Parma, è la firma in calce, il sigillo di conferma del gol di Osio, che ratifica ufficialmente la promozione della squadra di Scala in Serie A.
Come dire, firmato e controfirmato, Marco Osio e Alessandro Melli.
Non si può andare in A senza la firma dei due leader della squadra, del Sindaco e del bomber.
Il fischio finale conferma quanto detto: per la prima volta nella sua storia il Parma è nella massima serie del campionato di calcio.
I giocatori portano in trionfo Fulvio Ceresini, che ha assunto la presidenza dopo la morte del padre, e il pensiero di tutti va subito al compianto Ernesto: se tutto questo sta accadendo, gran parte del merito è suo.
La città è in festa, le strade e le piazze sono un trionfo di giallo e di blu: Parma, così composta ed elegante, oggi si concede la licenza del semel in anno licet insanire di Seneca e fa baldoria fino a notte fonda.
E se stasera, passando in Piazza Garibaldi, la faccia dell’eroe dei due mondi, con al collo la sciarpa gialloblù, vi sembrasse estremamente somigliante a quella di Nevio Scala, non incolpatevi per aver bevuto qualche birra di troppo durante i festeggiamenti, perché è proprio la sua.
In una serata così, può succedere anche questo…”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: