la bottega del calciofilo

Parole di calcio di Emanuele Giulianelli (@EmaGiulianelli)

Matricola e meteora Gumprecht: “Forza Lecce!”

gumNato tedesco dell’est nel 1974, André Gumprecht gioca nella Primavera del Bayer Leverkusen quando dall’Italia si accorgono di lui e lo portano a Lecce. E’ il 1993 e la squadra pugliese è appena tornata in Serie A.

Gumprecht è giovane e inesperto, forse troppo per i livelli di un campionato come la nostra massima serie: gioca solo una partita in prima squadra. Torna in Germania e inizia a girare molte squadre, prima in patria poi in Australia e Singapore.

Appesi gli scarpini al chiodo è rimasto nella terra “down under” dove lavora in una scuola calcio internazionale.

André, ti ricordi come arrivasti a Lecce?
“Ho giocato per due stagioni consecutive il Torneo di Viareggio con il Bayer Leverkusen. Lì mi hanno notato gli osservatori del Lecce che mi hanno fatto firmare per un prestito di otto mesi con la squadra di Rino Marchesi, in Serie A”.

Che esperienza è stata per te?
“Un’esperienza davvero fantastica per un ragazzo di diciotto anni!”

Quali sono i compagni che ricordi con più piacere?
“Emiliano Verga, Egidio Notaristefano, il brasiliano Gerson e il ghanese Ayew, tutti grandi giocatori che mi sono stati vicino e mi hanno aiutato ad ambientarmi”.

Il tuo ricordo della vita in Italia?
“Ho dei ricordi davvero belli, amavo il vostro Paese e ho trovato lì i tifosi più appassionati che io abbia mai visto in tutta la mia carriera. A loro voglio dire un Forza Lecce!”

E del calcio?
“La classe del calcio italiano è una spanna superiore a quella di ogni altro campionato in cui io abbia giocato. Solo in Germania c’è un livello più professionale, i calciatori lì non cercano scuse e non si lamentano”.

Qualche episodio curioso della tua permanenza a Lecce?
“Avevo una fidanzata in Italia che ricordo molto bene per avermi molto aiutato a imparare velocemente a parlare la vostra lingua. Grazie Alba per i bei momenti!”

Emanuele Giulianelli

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Matricola e meteora Gumprecht: “Forza Lecce!”

  1. Manfred Tschenett in ha detto:

    I giocatori tedeschi non si lamentano e non cercano scuse? Odio… in ogni campionato ci sono giocatori che si lamentano. Anche in quello tedesco. Spontaneamente mi vengon in mente Manuel Neuer dopo tutti gli errori o quel orribile allenatore che si chiama Klopp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: