la bottega del calciofilo

Parole di calcio di Emanuele Giulianelli (@EmaGiulianelli)

Tagikistan: tra calcio e potere

kavazL’articolo originale, in lingua inglese, è stato pubblicato sul prestigioso sito di geopolitica EurasiaNet.org (http://www.eurasianet.org) con il titolo “Tajikistan: Former National Team Coach Recalls Football Follies”. Il link all’articolo originale è http://www.eurasianet.org/node/67662

Stando a quel che si dice, lo scrittore e filosofo francese Albert Camus, una volta pronunciò questa frase: “Tutto ciò che so sulla moralità e sui doveri degli uomini, lo devo al calcio”. Camus, ovviamente, non aveva mai visto come funzione il Bel Gioco in Tagikistan .

Tutto quello che c’è da sapere sullo stato del calcio nel Paese più povero dell’Asia Centrale è sintetizzato in un fatto che si è verificato il 6 Settembre 2012 . In una delle vittorie calcistiche più importanti per il Paese dal momento in cui ha ottenuto l’indipendenza nel 1991 , la nazionale tagika sconfisse il Qatar, proprio in quel giorno, per 2-1, in una partita amichevole giocata a Ingolstadt, in Germania . Anche se il risultato non può essere considerato impronosticabile come la vittoria per 1-0 con cui gli Stati Uniti sconfissero l’Inghilterra nella Coppa del Mondo del 1950, è ancora ricordato come un risultato clamoroso . La cosa divertente è stata che il vice presidente della Federcalcio tagika, Azizbek Rajabov, era assente ingiustificato alla partita. Sebbene Rajabov avesse accompagnato la squadra tagika in Germania per l’amichevole, si racconta che abbia saltato il match per fare un rapido giro di shopping in Italia .

“Ha pensato che saremmo stati sconfitti”, ha ricordato Nikola Kavazovic , un serbo ed ex allenatore della nazionale.

Un altro evento esemplificativo è avvenuto solo poche settimane fa, durante la semifinale di Coppa del Tagikistan giocata ai primi di ottobre. Durante la partita Ahtam Hamrokulov ha segnato due volte per il Regar-TadAZ contro il Vakhsh, club per il quale aveva giocato due anni prima. Il caso volle che Hamrokulov avesse anche una casa a Qurghonteppa, dove il Vaksh disputa le sue gare casalinghe. Come riportato da RFE/RL, quando Hamrokulov è tornato a casa alla fine dell’incontro, ha incontrato i funzionari della città che, per una forma chiaramente di ripicca per la sua bravura nell’aver segnato due goal contro la sua ex squadra, lo hanno accusato di non aver pagato le sue bollette dell’acqua e dell’elettricità. Nonostante le sue proteste con cui chiariva di aver effettuato pagamenti regolari, i funzionari hanno provveduto a tagliare l’acqua e l’energia elettrica a casa sua. Il servizio è stato ripristinato solo dopo che Hamrokulov si è lamentato con Rustam Imomali , il presidente della Federazione Calcio tagiko e figlio del presidente di lunga data del Tagikistan, Rahmon Imomali .

Kavazovic ha avuto un posto in prima fila per assistere a un sacco di stravaganze durante il periodo di lavoro di sei mesi come allenatore della nazionale che si concluse nel marzo 2013. Prima di questo incarico, aveva allenato per più di un anno la squadra di club del FC Istiqlol, una corazzata del campionato tagiko.

Kavazovic ha ottenuto per lo più successi nella sua carriera di allenatore in Tagikistan, ma i buoni risultati ottenuti sul campo non gli hanno impedito di essere licenziato in un battibaleno da entrambi gli incarichi. “La dirigenza dell’Istiqlol mi ha licenziato dopo una sconfitta contro il Ravshan Kulyob per 1-0. Quella era la mia prima sconfitta con il club dopo 13 mesi!”, ha osservato .

Durante il suo incarico come allenatore della nazionale, la squadra ha registrato tre vittorie e due sconfitte, un risultato di tutto rispetto considerando il basso livello nel ranking FIFA del Tagikistan quando lui prese l’incarico di allenatore. All’epoca la nazionale tagika occupava il 142° posto; attualmente si trova al 117 °. Mentre era alla guida dell’Istiqlol, che ha sede nella capitale Dushanbe, il club nel 2012 ha conquistato la Coppa del Presidente AFC, un prestigioso trofeo asiatico dato al vincitore di una sorta di Champions League per le nazioni emergenti della regione.

Come racconta Kavazovic, è stato apparentemente lasciato andare come allenatore della nazionale all’inizio di quest’anno perché la squadra non è riuscita a qualificarsi per la AFC Challenge Cup 2014. Ma la vera ragione per cui il suo contratto non è stato rinnovato, sostiene, era che voleva dare uno scossone allo status quo imperante nel calcio tagiko, cosa che le autorità che regolano il gioco in Tagikistan non potevano tollerare.

“Vogliono rimanere chiusi, senza progresso”, ha detto Kavazovic. “Il Tagikistan è un luogo ideale per lavorare e vivere se non vuoi utilizzare la tua testa e il tuo cervello . Quando inizi a pensare in modo diverso, puoi solo fare le valigie e dire addio.”

“Il fatto che il presidente della Federcalcio è il figlio del presidente del Tagikistan dice abbastanza circa le influenze politiche”, ha continuato. “Inoltre, il presidente di uno dei più potenti club, il FC Istiqlol, Sohruh Saidov, è il figlio di un politico molto importante, e il giovane Saidov stesso è un uomo molto potente . ”

Rustam Imomali , 26 anni, capo della Federcalcio tagika, è il figlio maggiore, da qualcuno ampiamente visto come un potenziale successore alla guida del Paese, del Presidente Rahmon. Rustam è “circondato da persone sbagliate che prendono decisioni al posto suo”, ha detto Kavazovic . “Lui ama davvero il calcio , ma non ha abbastanza esperienza e conoscenza per ricoprire quella posizione. ”

La mancanza di personale qualificato in alto sta ostacolando lo sviluppo di giocatori esperti e impedisce ai club di raggiungere il loro pieno potenziale in competizioni internazionali, sostieni Kavazovic. Per citare un esempio ha indicato quanto accaduto al FC Istiqlol dopo il suo trionfo nella Coppa del Presidente AFC nel 2012. “Solo due mesi dopo quel trionfo incredibile, il presidente del club, Sohruh Saidov, licenziò sette giocatori da quella squadra”, ha detto Kavazovic .

Egli ha affermato né questioni finanziarie né disciplinari hanno spinto il presidente a cedere i giocatori. Invece, ha sostenuto che Saidov è stato messo sotto pressione da altri oligarchi che gestiscono club del campionato nazionale tagiko per affievolire il livello di talento dell’Istiqlol. Istiqlol a quel tempo batteva costantemente i suoi avversari nel campionato nazionale con punteggi totalmente asimmetrici e i rivali di Saidov volevano che le partite diventassero più competitive: invece di rinforzare i proprio, hanno in qualche modo costretto Saidov a indebolire il suo Istiqlol .

“Quando una formazione tagika ottiene qualche successo c’è sempre qualcuno che trascina la squadra, o l’intero movimento, di nuovo verso il basso”, ha dichiarato Kavazovic . “Loro [i dirigenti dei club ] vogliono un circo dell’antica Roma. … E se una squadra diventa troppo forte non c’è più gusto. ”

L’organo di governo del calcio tagiko, ha proseguito, è riluttante a dare un allenatore una vera autorità per guidare la nazionale. “L’ allenatore della Nazionale firma sempre un contratto di sei mesi”, ha detto Nikola. “Come si può pretendere di progettare un futuro migliore per la nazionale tagika se hai… solo sei mesi? Se una nazionale vuole crescere… devi essere in grado di disegnare un piano a lungo termine. ”

Una dichiarazione rilasciata a EurasiaNet.org dalla Federcalcio tagika ha attribuito il licenziamento di Kavazovic al fallimento del Tagikistan nelle qualificazioni per la AFC Challenge Cup 2014. Il Tagikistan è arrivato secondo, dietro al Kirghizistan, nel girone di qualificazione, per colpa di una sconfitta per 1-0 contro il Kirghizistan nel match testa a testa. I tagiki hanno mancato la qualificazione come secondi classificati del gruppo per la scarsa differenza reti .

La dichiarazione ha continuato ad attribuire i commenti sprezzanti di Kavazovic sulla federazione tagika come a quelli della volpe con l’uva. “Le parole calunniose di Kavazovic sulla Federazione Calcio tagike e la sua leadership … non sono altro che emotività [proveniente] da una persona il cui orgoglio è stato ferito “, dice la nota.

Emanuele Giulianelli
(@EmaGiulianelli)

Trad. italiana per la rubrica Calciamondo su 1000cuorirossoblu (link)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: