la bottega del calciofilo

Parole di calcio di Emanuele Giulianelli (@EmaGiulianelli)

Kosovo, intervista esclusiva al c.t. Albert Bunjaki

kosovoflagBATTERE LA POLITICA È LA SFIDA DEL KOSOVO
Il cittì Albert Bunjaki ha un obiettivo: le qualificazioni del Mondiale 2018
«Il nostro futuro sarà brillante: stiamo migliorando squadre e infrastrutture»

Tra il compromesso e il pasticcio il confine è sottile. Come quello che separa l’autoproclamata Repubblica del Kosovo dalla Serbia, che stenta ad accettare la legittimità dell’indipendenza di quella che considera una sua regione.
Sono passati 625 anni dalla battaglia di Kosovo Polje, battesimo della nazione serba, e 5 dalla separazione di Pristina da Belgrado: la politica cerca una strada affinché le due capitali tornino a parlarsi, a legittimarsi a vicenda.
Il calcio intanto va per la sua strada. La Fifa ha stabilito in questi giorni che la nazionale del Kosovo potrà disputare amichevoli contro altre compagini affiliate, ma senza esporre bandiere o suonare inni nazionali; inoltre alla rappresentativa sarà vietato giocare contro altre squadre dell’ex Jugoslavia.
Albert Bunjaki, quarantaduenne allenatore reduce da un’importante esperienza in Svezia sulla panchina del Kalmar, è il c.t. del Kosovo: per il suo incarico si avvale della collaborazione di una vecchia conoscenza del calcio italiano, Tord Grip.
“Tanti anni di isolamento del nostro calcio – spiega Bunjaki – richiederanno impegno da parte nostra per recuperare il tempo perduto. Nonostante gli ostacoli, però, abbiamo costruito un modello operativo efficiente e formato da zero nuove rappresentative nazionali per le varie età. Oltretutto abbiamo lavorato per implementare un database che raccolga i dati di tutti i giocatori di origine kosovara che militano in Europa”.
Cosa pensa delle restrizioni che vi ha imposto la Fifa?
“Penso che la decisione presa sia comunque un passo positivo verso una vera presenza del Kosovo nel calcio internazionale. Le limitazioni decise dalla Fifa sono temporanee e siamo sicuri che presto verranno superate. Il nostro obiettivo è partecipare alle qualificazioni per i Mondiali del 2018 in Russia”.
Quali sono i vostri rapporti con la Serbia?
“A causa delle vicende passate non ci sono relazioni con Belgrado e la sua Federazione calcistica, mentre con Croazia e Slovenia c’è cooperazione. Comunque la questione del pieno riconoscimento internazionale del Kosovo e del suo calcio è politica e, come tale, richiede soluzioni politiche”.
Il calcio può aiutare la politica?
“L’arte, lo sport, la cultura hanno un ruolo importante nel processo di riconoscimento di una nazione. Attraverso il calcio proveremo a far conoscere il Kosovo e i suoi valori nel mondo. Questo è il contributo che possiamo e dobbiamo dare”.
Che futuro ha il calcio in Kosovo?
“Brillante. Stiamo migliorando le infrastrutture, puntiamo non solo sui talenti che oggi militano nelle squadre europee, ma vogliamo far crescere una nuova generazione di giovani calciatori che ci porti a competere ad alto livello nel giro di pochi anni”.
Come sceglierà i giocatori per la nazionale?
“In Europa abbiamo ottimi calciatori come Shaqiri, Behrami, Januzaj, Cana, Dzemaili, Berisha: le nostre porte sono aperte a tutti i kosovari che vorranno unirsi a noi. La decisione finale spetterà a loro: la Fifa non potrà vietare a nessuno di indossare la maglia del proprio Paese”.
Intanto la più grande promessa del calcio kosovaro Adnan Januzaj del Manchester United ha appena rifiutando la proposta di giocare nella nazionale inglese per rappresentare il suo Kosovo. Un buon inizio.
Emanuele Giulianelli

da Il Messaggero di oggi, 20/01/2014

Riproduzione Riservata

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: